Articoli

Stampa

Gemellaggio

Report Gemellaggio 2019

Il 18 una rappresentanza del comune di Santa Maria a Vico è stato calorosamente accolta in terra francese per il periodico rinnovo del gemellaggio che, da diversi anni, lega la nostra cittadina con quelle di Gaillac (Francia) e Caspe (Spagna). A queste tre, si è unita la città di Brad (Romania) con la quale le comunità, già unite da tempo, si sono impegnate per intraprendere un percorso di integrazione e amicizia nello spirito europeo e che si prospetta come una nuova occasione di unione e costruzione di una sempre più ampia identità europea.

 

GAILLAC, 18 SETTEMBRE 2019

 

L’arrivo previsto per le ore 8.30 all’aeroporto di Tolosa-Blagnac è avvenuto a cura dei delegati della città di Gailla, guidati da Nicole TOUGNE che hanno accompagnato i nostri rappresentanti alla Salle de Spectacles per il primo incontro con le famiglie ospitanti e l’accompagnamento alle rispettive dimore, dove ad attenderli c’erano i componenti del Comitato gemellaggio di Gaillac, con in testa Marisa ed Olga.

 

Alle 12 i nostri rappresentanti hanno potuto raggiungere gli altri gruppi provenienti da Spagna e Romania per pranzare insieme e fare conoscenza prima di recarsi, alle 18, nella Salle de Mariage del Comune di Gaillac per il ricevimento ufficiale dei Paesi gemelli e lo scambio dei doni tra le delegazioni.

 

La cerimonia ha visto la partecipazione di Patrice Gausserand (sindaco del comune di Gaillac), Lidia PASCARELLA, assessore al Gemellaggio di Santa Maria a Vico; Alicia CLAVERIA DOMINGO in rappresentanza di Caspe e Florin CAZACU, sindaco del comune di Brad.

 

Durante il ricevimento è stato ricordato il costante impegno delle comunità ad intraprendere percorsi volti all’integrazione, alla cooperazione e alla condivisione delle rispettive culture. I rappresentanti istituzionali si sono cordialmente scambiati omaggi nell’onore e nel rispetto reciproco.

 

La cena si è svolta alle 20 nella Salle de Spectacles, dove tutte le comunità hanno potuto condividere momenti informali e di convivialità.

0b29498e-3d1b-43dd-be62-882402ef718f0b698023-d09c-4251-8831-b5bf9a3ddaf51cf7fe17-e74a-4fb4-a343-b52d37c0ebfb1f2875d5-c33e-40d0-9b33-e7403380c79d01fff6cc-23f4-4b42-8667-2a61668ecd022dc6e98f-fbbf-4858-bdbc-d70214c367ce6aeb1ba6-98f9-4fe2-868e-a336332981b8323785b1-4307-4f45-95b4-1a961dac8312a7ee0434-36f0-41a5-90f2-9efa94feaba1c9121228-edbd-46e1-b931-6a51185cb454ee62bb0c-9eb3-4dc6-b1fa-94deef141078f3fb87a3-9e87-424d-a179-98f5c3c8be24

GAILLAC, 19 SETTEMBRE 2019

 

Alle 9 la prima delle conferenze previste durante il soggiorno nella Salle de Spectacles affrontante il tema dell’emigrazione europea.

 

Grazie alle competenti esposizioni degli ospiti Stephanie IMA, geografa, docente all’Inu Champollion di Albi e membro dell’Università di Tolosa, e il moderatore Bruno VARGAS, docente di civiltà spagnola presso l’Institut National UniversitarireChampollion di Albi si è sviluppato un attento dibattito sulle migrazioni intraeuropee ed extraeuropee.

 

La forte interattività del meeting e gli interventi delle istituzioni, tra cui quello del presidente del consiglio di Santa Maria a Vico Pasquale IADARESTA, hanno acceso numerosi spunti di riflessione sul tema.

 

A seguito del pranzo, svoltosi in loco, gli ospiti sono stati accompagnati allo stadio ‘Pichery’ per una breve dimostrazione di rugby, lo sport più praticato del territorio. A seguito, i delegati sono stati impegnati in una visita guidata per la città di Gaillac, luogo di arte e storia, alla scoperta del patrimonio culturale.

 

La visita si è conclusa a la Place de la Libération dove l’associazione ‘Lo Rèviscol’ e il suo gruppo di ballerini in costume regionale e musicisti, hanno animato la cena con danze folcloristiche dei paesi gemellati e ospiti, cui hanno partecipato anche i gruppi degli altri paesi che hanno divertito con canti e balli delle rispettive tradizioni.

 

La serata è proseguita tra aperitivi e street food di cibi locali e si è chiuso con un concerto del gruppo ‘Memory Jazz Band’.

 

1adbdddf-af68-4807-946a-19b56bd47a775c8f9dd7-687e-41bd-922b-c732c4f7726d13ad1504-c4b9-43e8-8826-69ac2859636ffd4c260d-38ea-4f2c-be0b-454a2f28386aIMG-20190926-WA0006IMG-20190926-WA0010IMG-20190926-WA0021IMG-20190926-WA0043IMG 20190919 172209IMG 20190922 112840

GAILLAC, 20 SETTEMBRE 2019

 

La seconda conferenza si è tenuta alle 9 nella Salle de Spectacles ed ha affrontato il delicato tema dell’integrazione dei migranti.

 

I dibattiti, moderati in due tavole rotonde intraeuropee ed extraeuropee, sono stati culturalmente arricchiti dalle esperienze vissute da migranti spagnoli, italiani e curdi come quella di Zoubeyr MAHI.

 

Il dibattito è stato animato da Stephanie IMA e Antonin CANET, insegnante al Liceo ‘Victor Hugo’, e moderato da Henri ASSIE, giornalista di ‘La Dépêche’. Durante le esposizioni sono intervenuti gli studenti dell’istituto ‘Victor Hugo’ e gli ospiti in sala, tra cui l’assessore del Comune di Santa Maria a Vico, Lidia PASCARELLA.

 

Dopo il pranzo insieme, alle 14 i gruppi sono stati accompagnati alla scoperta del patrimonio culturale Unesco della città di Albi, tra le strade medievali del centro storico e i principali monumenti in mattoncino, materiale caratteristico della regione.

 

Il rientro alle 19.30, nella Salle de Spectacles è stato accolto dal gruppo teatrale “JAC’S Giovani adolescenti” che hanno onorato gli ospiti con uno spettacolo scritto e interpretato da loro. Ragazzi giovanissimi hanno portato in scena in chiave comica la preparazione al gemellaggio da parte delle città di Santa Maria a Vico, Gaillac e Caspe con interpretazioni intraprendenti e dinamiche, ricche di entusiasmo e tanto talento.

 

Alle 21 è stata servita la cena in un clima di amicizia e cordialità.

 

IMG-20190926-WA0031IMG-20190926-WA0048IMG-20190926-WA0057IMG-20190926-WA0058IMG 20190920 160959IMG 20190920 214923WhatsApp Image 2019-09-20 at 11.42.02WhatsApp Image 2019-09-20 at 11.42.03

GAILLAC, 21 SETTEMBRE 2019

La giornata si è aperta alle 9 con un caffè cittadino nella ‘Salle de Spectacles’. Gli ospiti Bruno VARGAS e l’associazione ‘Arcadia del Tarn’ hanno aperto gli scambi sul tema della riconciliazione, con forti testimonianze sul “dovere di memoria”.

 

Un meeting interattivo e ricco di proposte, prospettive, opinioni e ottimi propositi per un futuro europeo che si è concluso con una breve cerimonia di chiusura ufficiale dei dibattiti degli incontri europei.

 

Al pranzo è seguita una visita guidata ad un’altra splendida città medievale della regione: Cordes-sur-Ciel. La magnifica bastia albigese, eccezionale patrimonio gotico europeo, ha conservato splendide abitazioni gotiche, ad oggi un simbolo dell’intera regione. Un vero incanto, sulle cui strade si affacciano diverse botteghe di artigiani e artisti che hanno illustrato gli antichi mestieri e i materiali locali.

 

Alle 20 gli ospiti e le famiglie sono stati accompagnati nella ‘Salle de Spectacles’, ove si è svolta la ‘Festa di Chiusura’.

 

Con la presenza di ospiti illustri, è stata celebrata l’intronizzazione da parte dell’confraternitad dell’Ordine della ‘Dive Bouteille’ di Gaillac, la più importante associazione nel mondo per la cultura del vino. Durante la cerimonia, il Gran Cancelliere ha onorato l’Assessore Lidia PASCARELLA ed il sindaco Florin CAZACU, iniziandoli come nuovi membri della confraternità. Un titolo importante per la nostra rappresentante istituzionale che ha onorato l’intera cittadina.

 

È stata quindi servita la cena, con cordialità ed eleganza; la serata ha visto l’accompagnamento e l’animazione del gruppo musicale ‘Fiesta’, con le loro canzoni francesi e in lingua straniera, in omaggio ai Paesi Gemelli.

 

IMG-20190926-WA0070IMG-20190926-WA0073IMG-20190926-WA0077IMG 20190921 153107IMG 20190921 154605WhatsApp Image 2019-09-22 at 19.41.39WhatsApp Image 2019-09-22 at 19.48.57WhatsApp Image 2019-09-22 at 19.48.58WhatsApp Image 2019-09-24 at 15.14.22

GAILLAC, 22 SETTEMBRE 2019

 

Il soggiorno si è quindi concluso con una mattina di convivialità e arrivederci in cui l’istituzionalità del progetto ha lasciato spazio all’umanità dei cittadini che, alla fine, risultano essere il cuore della città, del paese e dell’Europa intera.

 

La disponibilità delle famiglie, che in questi giorni hanno ospitato i nostri concittadini e gli altri gruppi in visita, è stato il vero fulcro del progetto. L’amicizia e la diversità di culture hanno dominato gli incontri e gli eventi svoltasi in una terra di cultura, arte, tradizione e paesaggi incantevoli.

 

Le comunità hanno potuto vivere un’esperienza unica nel suo genere, fatta di unione e cooperazione che ha arricchito il bagaglio culturale e umano di tutti i suoi partecipanti.

 

Dopo un ultimo pranzo insieme, i delegati hanno accompagnato gli ospiti in aeroporto per la partenza e il ritorno ai loro paesi dove porteranno, oltre alla rinnovata fratellanza dei popoli sul piano istituzionale, ricordi indelebili che accrescono ancora una volta il bagaglio umano della nostra comunità.

 

WhatsApp Image 2019-09-22 at 13.12.54WhatsApp Image 2019-09-22 at 19.41.33WhatsApp Image 2019-09-22 at 19.41.34WhatsApp Image 2019-09-22 at 19.41.35

 

 

Report Definitivo Gemellaggio 2017

Project number 589124-CITIZ-1-2017-1-IT-CITIZ-TT • Decision/Grant Agreement 2017-1302

Estratto

Brochure

 

 


 

 

Report Gemellaggio 2017

Il progetto del gemellaggio svoltosi in Santa Maria a Vico dal 26 al 30 Settembre, ha visto partecipare, per la prima volta, ben 4 Paesi. Infatti, oltre le città di Gaillac (Francia) e Caspe (Spagna), già gemellate con il nostro Comune da diversi anni, quest’anno si è intrapreso un percorso di allargamento che ha coinvolto altri due Paesi: Florina (Grecia) e Distretto di Mirdita (Albania).

Il Progetto ha avuto come scopo l’instaurazione di relazioni più strette tra le diverse città facenti parte dell’Unione Europea o in procinto di farne parte.

L’impatto del Progetto sulla popolazione ha fatto si che si attivasse un percorso comune con le istituzioni scolastiche e con le associazioni del territorio teso a sensibilizzare il più ampio numero di persone circa le tematiche trattate. Meeting, dibattiti aperti, tavole rotonde hanno avuto come unico tema il problema della politica di immigrazione e dell’euroscetticismo.

Hanno partecipato e relazionato ai meeting, tra gli altri, il prof. G. Trupiano e la dott.sa E. Rapolla del Centro EUROPE DIRECT di Napoli e il dott. Ivan Forte, assistente parlamentare dell’onorevole Patriciello, deputato al Parlamento Europeo.

In conclusione il progetto così come strutturato e attuato ha promosso i valori Europei e la diversità linguistico-culturale dei Paesi coinvolti attraverso la fattiva collaborazione di tutti i partecipanti, promuovendo la comprensione reciproca e il dialogo interculturale.

 

Di seguito i link alle varie attività svolte:

Arrivo presso il Complesso Aragonese

Il Benvenuto del Sindaco e dell’Amministrazione

Meeting immigrazione e opinione pubblica

Quadrangolare di calcio: lo Sport che Unisce

Rievocazione storica del Corteo Aragonese

Visita alla Reggia di Caserta

Cena interculturale: un incontro all’ insegna della convivialità, condivisione e socializzazione

Dibattito aperto sull’euroscetticismo e spolitica di immigrazione con gli studenti dell’ ITCG V. Bachelet

Incontro tra Culture: Canti e Balli Tipici

Sapori Interculturali

Meeting commercianti e delegazioni gemellate

Visita alla Mostra Presepiale del prof. Oberdan Vicario

Trattato di Caspe del 1733 custodito nella Biblioteca del Complesso Aragonese di Santa Maria a Vico

Mostra Pittura Contemporanea alla presenza dei Sindaci

Saluti finali e scambio dei doni

Festa dei saluti

Cena Finale

 

Per tenersi sempre in contatto e Aggiornati sugli eventi dei Paesi Gemellati

clicca qui

 

 


 

 

La presente sezione, in corso di aggiornamento, contiene notizie storiche e di attualità sul gemellaggio tra il Comune di Santa Maria a Vico (Italia), la Mairie de Gaillac (Comune di Gaillac - Francia), el Municipio de Caspe (Comune di Caspe - Spagna).